Conosci la funzione dei muscoli della Yoni nel piacere femminile?

Quanto scrivo in questo articolo per alcune può sembrare scontato se non banale, per altre sconvolgente.

In verità dopo aver testato l’argomento con molte allieve, ho scoperto che è un argomento sconosciuto alla maggior parte di loro.

Potrei dilungarmi sui guasti di dieci mila anni di maschilismo o sulla castrazione psicofisica della donna, .oppure descrivere le mancanze educative della nostra società ma ve lo evito.

Il fatto è che amiche mie, avete il potere, un tesoro nascosto che è il segreto del piacere. i muscoli che in poche conoscono e che sanno usare; i muscoli della Yoni.

COS’E’ LA YONI?

La Yoni è il termine sanscrito per definire gli organi genitali femminili, al loro interno vi sono molti muscoli e tessuto connettivale, che fanno parte del pavimento pelvico.

Quando attivate questi muscoli in modo consapevole, durante il rapporto sessuale, tutta la yoni diventa più sensibile, molto più sensibile. Il che è veramente un bene.

Ma non è ancora il tesoro nascosto.

Il tesoro nascosto

Il tesoro nascosto è che la natura nella sua infinita bontà, ha fornito la donna dei muscoli intimi che hanno molte altre possibilità.

Cioè, che oltre a stringere, i muscoli interni possono andare verso l’alto e verso il basso.

http://centroatman.net/allenare-il-pavimento-pelvico-4-esercizi-per-muscoli-pelvici-femminili/

E qua sta la differenza, il paradiso terrestre.

Non solo aumenta la soddisfazione della coppia, ma cambia la base culturale!!!

si avete capito, non vi è più un ricevere passivamente, ma un esserci attivamente alla pari.

Questo ha un forte impatto sul maschilismo.

La donna è potenzialmente molto più attiva dell’uomo, perchè l’uomo può contare su un’unica funzione della sua motilità.

Mentre la donna può fare molto di più.

Perchè la natura ha fornito la donna dei muscoli interni vaginali.

Certamente come per ogni allenamento, ci vuole applicazione, determinazione, ma soprattutto il desiderio di migliorare il rapporto sessuale.

La via della beatitudine come si allena?

All’inizio ascoltatevi, sensibilizzatevi all’utilizzo dei muscoli, visualizzateli mentre eseguono il movimento e poi applicare sperimentando con il vostro partner.

Rimanendo immobili muovete solo i muscoli tirandoli verso l’alto ed il basso. Il partner si presterà volentieri al vostro allenamento.

Il movimento è esattamente quello che eseguite quando trattenete la pipi’.

Può darsi che all’inizio non sentiate nulla o risulti difficile.

Nel caso vi consiglio di fare degli esercizi pilates e yoga specifici per il pavimento pelvico, servono sia a rilassare che tonificare il pavimento pelvico. 

ecco il link per il tuo allenamento trovi i nostri video yoga pilates fusion dove imparerai esercizi specifici respirazione e rilassamento per il pavimento pelvico  

https://centroatman.net/corsi-online

Sia che abbiate un ipertono ( muscoli troppo tesi, contratti) dei muscoli pelvici che un ipotono

( lassità del pavimento pelvico) renderà molto difficile sperimentare la via della beatitudine.

Ma non solo, potreste insorgere in molti altri disturbi fisici se non prendete in mano la situazione.

E’ sottinteso che l’amore sia un esperienza emotiva, sentimentale, spirituale. Il mio intento non è trasformare l’amore in una funzione puramente fisica, ma credo che la sessualità sia uno dei pilastri fondamentali su cui poggia la relazione d’amore.

Divenire consapevoli del corpo fisico

Questo corpo che è una macchina d’ingegneria perfetta, che conosciamo parzialmente, ma dovrà accompagnarci per tutta la vita. Solo quando prendiamo consapevolezza delle caratteristiche del nostro corpo, delle potenzialità, allora potremo usarlo bene.

Per vivere una piacevole sessualità, per gestire problematiche fisiche oppure migliorare problematiche posturali.

RECUPERARE IL POSTO CHE SPETTA DI DIRITTO

Inoltre sono convinta, che la donna debba recuperare il posto che le spetta, dopo millenni di cultura maschilista, volta al possesso, alla prevaricazione.

La donna oggi, può esprimere se stessa, affermando il diritto di provare piacere, pretendendo da se stessa e dal partner tutto il piacere che le spetta. vivendolo in modo attivo e consapevole.

Namastè    Emanuela

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Hai domande? Chat via Whatsapp